Col Senter

Penso sia capitata a tutti la sventura di chiamare i call center dei gestori telefonici. E’ un’esperienza catartica: rimani 15 minuti in attesa con una musichetta da spurgo intestinale ed una vocetta automatica che ribadisce più volte quanto sia prioritaria la tua telefonata del cazzo. In quegl’interminabili periodi, ho imparato a fare altro: cucinare, lavorare, sparare ai rumeni, inveire contro il carovita e scrivere romanzi di avventura. E non nego di aver immaginato ogni tipo di motivo che avesse potuto occupare gli operatori: clienti scassacazzo, una bomba atomica, una mega-orgia scoppiata nella sala caffè, Lori del Santo vestita da Drive In, l’apparizione di Berlusconi nei bagni.

Ma la vera avventura deve ancora venire: il colloquio con l’operatore. Nella migliore delle ipotesi è un barese che, sforzando l’accento italiano, sembra parlare bergamasco. Se compredere ciò che dice è arduo, fargli capire ciò che dici TU è una fatica di Ercole. Parlare con un prete cieco sordo e gay di quanto sia bella la figa è una conversazione decisamente più fluida.

Una volta non mi prendeva il cellulare per 3 giorni, così chiamai il mio call center (WIND! WIND!):

– IO: “Scusi, non mi prende da 3 giorni”

– ESSA, la CALLCENTRISTA: “Ha provato a spostarsi?”

La stavo per mandare a fare in culo, quando peggiora la sua situzione

– ESSA, la CALLCENTRISTA: “Non intendo spostarsi solo dalla sedia, ma di tanto..tipo cambi strada“.

Alla fine, l’unica cosa che mi aveva spostato era la nervatura ed onde prendermela con ESSA, LA CENTRALINISTA, decisi di attacare il telefono.

Ora non mi attaccate il pippone che sono sottopagati bla bla bla. E basta con questo perdonismo continuo ed estenuante, ma non vi stancate a  trovare giustificazione per ogni misfatto? Minchia, se questa risponde così a tutti i clienti, precaria ci deve rimanere a vita! E ve lo dice un precario, per cui no comment.

Il Call center sono una metafora dell’italia: gente messa lì per caso, che non sa un cazzo di quello che fa e che per di più accampa diritti da esseri umani. INAMISSIBILE.

Anche se in compenso molte volte ho conosciuto simpatici ragazzotti con i quali sono uscito e ho trombato non attenua di certo la mia opinione negativa. Sono obiettivo, io!

ps anche Marcilotta ha scritto di Call Center.

Annunci

8 Risposte

  1. Pingo di qua …eccomi….non so se vi ho raccontato che io una volta ho avuto esperienze fuori dal corpo (viaggio astrale) durante 40 min. di attesa al servizio clienti Direct Line; va anche detto però che l’operatore con cui alla fine parlai fu molto gentile e preparato. insomma una viaggio mistico.
    😀 certo non trombammo, questi sono privilegi che capitano solo a Sarko , eeeh beato lui 😀 hihihihi!

  2. ahuahuahua
    io c’ho fortuna…anche se ora sono FIDANZATISSIMO e quelli del call center manco me li cago”!

  3. wind non prende mai, però gli operatori maschi prendono tutto!!!

  4. oops noi ci lavoriamo oops
    ma lo stiamo demolendo dall’interno
    sssssshhhhhh
    non lo dire in giro
    -(merda l’abbiamo scritto)
    -CANCELLA CANCELLA
    -COME SI FA?
    -NOOOOOO non cliccare su Submit Comment
    -Dannazione

  5. eheuheuheu 😀

    jmarx: lo dici per esperienza perso-anale?
    oggihoscopertoche: cazzo, ma allora ti conosco!

  6. (ps: we miss you… Xkè nn c kaghi +?)

  7. (stupido è chi lo stupido fa…)
    (non c’entra niente, ma fa uguale)
    (questo l’ho scritto io senza autorizzazioni degli altri componenti della Triscele)
    (ah, “io” sono Valeria)
    (ciao)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: