Quelli che parlano al bar sotto casa

Oggi sarò molto, ma molto qualunquista. Per cui, tanto vale levarselo subito il dente: C’ha proprio ragione Brunetta a prendersela con i fannulloni; anche perchè ero già TOTALMENTE d’accordo con Padoa Schioppa quando chiamò i giovani italiani dei BAMBOCCIONI. Ed ecco a produrmi nell’aneddotistica del caso.

Abito in una zona di Roma sovraffollata stile Bombay. Siamo uno addosso all’altro, il concetto di DOPPIA FILA è stato sorpassato da quello di DOPPIO STRATO: le auto si parcheggiano una sopra l’altra. E’ così incasinata che io sento precisamente TUTTO, ma PROPRIO TUTTO quello che si dicono in strada – perchè qualsiasi peto di zanzara fa eco tra le spesse mura dei palazzi.

Premesso ciò, capirete bene che la presenza sotto il mio balcone di un bar con tavolini fuori crea in me un disappunto via via crescente. All’inizio, apprezzai la cosa come “Che bello, un tipico quartiere romano, ancora resistito all’infighettizzazione dell’urbe”; ora sono “Perchè non passa una ruspa di buon senso griffato a spazzar via questi tamarri coatti?”.

Ad attirare la mia ira ci sono due ragioni precise:

1. La  combriccola del talk-show (attorno ai 10, sempre gli STESSI, a qualsiasi ORA);

2. Gli argomenti trattati (CALCIO, CALCIO e…CALCIO)

Vorrei soffermarmi sul primo punto: ma come cazzo fanno a stare TUTTO IL CAVOLO DI GIORNO a non fare una ceppa di niente? No, davvero, ma di cosa campano? Lo stato prevede una pensione speciale per i TUTTOLOGI CAZZARI? E se sì, PERCHE’ IO NON LA PERCEPISCO?

Ultimo punto: l’argomento calcistico. A me piace tantissimo il calcio, ne sono appassionato sin da piccolo, lo seguo come ogni squallido italiano medio. Detto ciò, fatti 100 i miei argomenti di conversazione, il calcio ne rappresenta 10. Perchè ho altri interessi, ma soprattutto perchè – passati i primi 10 minuti a parlare di un partita – inizia la chiacchiera complottistica e dietrologica che m’interessa meno di una mazza. Ma quelli che parlano al bar sotto casa, invece, non solo ci sguazzano nel maremagnum di quelle merdate, ma rendono ogni partita una soap-opera (con tanto di personaggi che resuscitano e Brooke che si scopa tutta la squadra di calcio).

E’ ovvio che di fronte a questi pseudo-umani un lavoratore onesto (leggi, cinese con fattezze italiane che lavora 15 ore al giorno) si sente rodere il culo come se avesse le mutande fatte di peperoncino calabrese.

Voglio una Brunetta-helpline, da chiamare per far sgomberare i luoghi pubblici da nullafacenti cronici e rumorosi! Chiedo tanto?

 

Annunci

28 Risposte

  1. “Non vivo di pallone, non parlo di figone, non indosso vesti buone, quindi sono fuori da ogni discussione”
    Caparezza, La mia parte intollerante

  2. sarco, non sei qualunquista, ma direi fascistoide 😀

    se potessimo prendere la ramazza e spazzare via tutta l’umanità che non ci garba, sarebbe un mondo perfetto e noisiosissimo.

    pensa a quelli che ripulirebbero il mondo dai “kulattoni”
    ……… dai fankazzisti
    ………. dalle puttane
    ……… dai neGri
    ……… da chi non paga le tasse
    …… dalle bionde ossigenate
    ……. dai tamarri
    ……. etc.
    ….. da me, che di sicuro sto sul cazzo a un sacco di gente

    per qualche ragione a me sconosciuta, il mondo è pieno di cricche inutili, ma “ripulire” è pericoloso.

    tolleranza, amico mio, tolleranza……! 😉

  3. però crisbio, sul calcio siamo d’accordo eh? io “questa gente” non la capisco… 😀

  4. Sarei d’accordo con Marcillotta nell’invito tolleranza, se non fossi certo che l’iperbole del Sarco, in questo caso, è sparata da tutte le sue buone intenzioni di trovare un occupazione più socialmente utile per questi soggetti passivi, ed anche se non conoscessi bar simili al sopracitato

    Però Brunetta è un nano malefico, subdolo e manovrato, se prima nella pubblica amministrazione non c’era nessuno (e il cittadino si poteva servire da solo a suon di calci negli stinchi dell’inefficienza), ora ci stanno tutti, ma con le mani in mano o su facebook, o a fissare il vuoto in attesa di andarsene a fine giornata: almeno al Bar smuovono l’economia.

    Meglio vivere in campagna

  5. @sara_mitico caparezza!
    @marci_jmarx ha letto bene il mio invito a trovarsi un lavoro..MAI mi sognerei di sbarazzarmi di loro in maniera fisica. Anche perchè mi sporcherei le mani.
    @jmarx_lo sai che su Brunetta la pensiamo in maniera diversa…discussione annosa la nostra 🙂

  6. eheheheh 😀

    ecco vedi, invece su brunetta io la ramazza fascista la userei … lo ammetto….diciamo perlomeno che è una fantasia la mia, magari poi al lato pratico verrei meno… 😀

    sulla campagna concordo absolutley, e quella è invece una fantasia che tra non molto realizzerò… 😉

  7. marci, che culo…io me ne andrei di corsa.
    si devono però realizzare due condizioni:

    1. Posso lavorare interamente da casa
    2. Il mio amore viene con me

    vediamo un pò gli eventi!

  8. …io ho entrambe le condizioni hihihihih
    mi manca “solo” trovare un bel posto, e non è facile … considerando anche i prezzi assolutamente non economici della sardegna!

  9. Ok, l’invidia sale…
    mi sa che ti manderò brunetta!!!! 😀

  10. I nullafacenti che hai sotto casa con molta probabilità elogiano ogni singola parola dell’alto ministro. Come non capirli, del resto lo stesso Brunetta è noto a livello europeo per essere un fannullone.

  11. marci non vale, la sardegna non è la campagna auauau io per campagna intendevo una fattoria nelle colline del chianti. ovviamente con la piscina, fastweb e i contadini.

  12. Io dico che parlare di calcio è una grossa perdita di tempo. non ne capisco niente e non ne voglio capire niente. verrò a roma a fare capodanno e mi fa paura (in senso lato) la sovraffollazione indiana….ma vabbè sticazzi…
    Però al posto tuo una secchiata di accadueo la lancerei.
    un muà

  13. andrea, uhm….penso che seguirò il tuo consiglio!!

  14. Parlare di calcio, convincendo i più labili, alle loro teorie riguardo l’anticipo o il ritardo, si poteva anche dare ma anche no (uolter l’ha preso dai processi), è calcio atletico e pure maschio.
    Beh, qui ci vuole un piccolo chiarimento: di Brooke che si scopava tutti io non ne ho incontrate, ma di ruvidi calciatori che sotto la doccia si similmasturbavano fino al compiacimento (non che mi dessero fastidio…) del confronto, ce n’erano oh, se ce n’erano.
    Ale

  15. ale, grazie per aver condiviso con noi questo maschio ricordo 🙂

    chissà perchè a me non è mai successo…anche se il mio ex lo conobbi a calcio…ma VI ASSICURO che non si masturbò sotto le docce 😀

  16. @ sarco
    chiarisco: non è detto che in tutti gli spogliatoi si sviluppino ardori… la mia età mi ha permesso di frequentare più spogliatoi e non solo di calcio e le occasioni si sono presentate in maggior numero, non nego che ci siano stati pure dei puri “esibiteur”.
    Riguardo la masturbazione, ho detto “similmasturbazione” cioè quel tipo di autoesibizione compiaciuta del proprio peppino rendendolo, con la scuola dell’insaponatura più eloquente di quanto non lo sia a riposo.
    Forse al tempo ci divertivamo con poco… o tanto, dipende.
    ciao
    A.

  17. Già…a furia di porno, per me una cosa del tipo “acqua&sapone” mi sembra regolare… 🙂

  18. guardare un porno non è il massimo, sempre meglio dal “vivo”…
    ciao
    A.

  19. si può farlo dal vivo con un porno, a quel punto!

  20. fortunatamente non ho un bar sotto casa, ma cquasi tutti sono ritrovi agghiaccianti di pseudo esperti di calcio, figa e motori…il tutto in un mix raccapricciante…non posso darti torto…credo che lo stato tuteli questa gente,senza questi austrolopitechi non potrebbero fare tutte le porcherie che fanno

  21. @ale: tieni ragioni, fratello!
    @jmarx: frena frena…a me basta il mio amore ed è DECISAMENTE meglio di un porno. Per quanto teodem suoni, è la verità…

  22. @silvio: siamo sulla stessa linea d’onda.

  23. figurati sono perfettamente daccordo con te era solo per fare la battuta :P, anche perchè il mio amore è the best

  24. ah ecco 😀 anche tu teodem 😀

  25. pensa che sono lo zoccolo duro del berlusconismo sti fancazzisti, brunetta potrebbe essere un ottimo vaccino politico, sguinzagliamolo

  26. Brunetta è l’unica cosa che salverei di questo governo. Secondo me chi lo critica non ha mai avuto a che fare con il moloch pubblico. Consiglierei una full immersion, sia nei ranghi dell’amministrazione che come utente, e poi mi dite…

    Ma il buon fancazzista pubblico parla di calcio (o dei turni di ferie, altro argomento topico) durante l’orario di lavoro, seduto alla scrivania.
    I fancazzisti da bar, dalle mia parti almeno, sono piuttosto ragazzini e ragazzetti mantenuti da genitori che con la scusa di “faccioluniversità” non fanno ‘na mazza tranne stare seduti al bar con lo sguardo abulico e gli occhialoni firmati. Ho un bar di questo tipo a due passi da me, in questo momento, so di cosa parlo

  27. […] di parrucche Pubblicato il Novembre 13, 2008 di ilsarcotrafficante Ero al bar (non quello sotto casa), e c’era pure il mio barbiere. Ad un certo punto, alla TV danno un servizio sui parrucchieri […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: