Gran Torino – Grande Clint!

Ieri sono andato a vedere l’ultimo film di Clint Eastwood, “Gran Torino”.

Premessa: sapendo della mappazza matton-andante, ho preferito che l’ala pop della comitiva si dirottasse verso “La Matassa” di Ficarra e Picone; per cui, sono entrato in sala con l’anima in pace di vedermi 120 minuti di pesantezza celluloidale, senza imporla a nessuno (se non al mio amore, che come sempre mi segue, povera stella).

Senza mezzi termini: il film è un capolavoro, totalmente stile Eastwood 2.0 .

E’ una non-storia, perchè il personaggio rimane sempre lo stesso: un egoista incallito. Il regista saggiamente lascia intendere che ci sia un twist narrativo quando lui inizia ad parlare con gli odiati vicini cinesi fino a difenderli contro i bulli locali. Ma solo la fine rivela il vero senso dell'”agire verso” del protagonista: puro e semplice egoismo.

Il motore dell’intero impianto narrativo è il senso di colpa – non a caso la presenza (e la critica) alla Chiesa Cattolica è onnipresente con sfaccettature credibili e mai caricaturali – come si sarebbe tentati di fare data la natura ridicola dell’istituzione religiosa. La “Gran Torino”, la tanto amata auto conservata gelosamente in garage, diventa il simbolo di un’americanità lasciata in cantina, perfetta e dorata, ma che ormai si lascia violare dagli stranieri e della contaminazione. Alla fine, verrà donata al ragazzino cinese – quasi un riferimento al fatto che il debito pubblico americano sia per metà in mano ai cinesi.

Clint Eastwood attore strizza l’occhio al Clint Eastwood regista quando utilizza tipiche inquadrature da film western, ambientato in una tipica suburb americana, in declino, povera, decadente, quasi come una città fantasma dei film di Morricone.

Splendido, metaforico, storico ed emblematico. Un film da leccarsi le palpebre.

Annunci

6 Risposte

  1. quindi io sarei l’ala pop???!!!!
    almeno pop porno ti prego=)
    devi fare politica sarco!
    venderesti minchiate + di berlusca ahahahahahahah
    oppure impiegarti nel marketing pubbliciatario di Burger King
    [ho il convulso!!!]

  2. tu sei l’aletta di POLLO 😀
    e cmq non l’hai voluto vedere..per cui, NON PUOI SAPERE LO SPLENDORE di EASTWOOD!!! 😀

    Io se fossi venuto a vedere Ficarra e Piccone sarei stato con il dizionario in mano per capire quello che dicevano 🙂

    ciao miss gnam gnam

  3. Anch’io voglio leccarmi le palpebre!! Vado a vederlo!!

  4. si sara, è bellissimo!
    baciotto
    M.

  5. Una maschera inespressiva eppure un mito già leggendario. Ricordo (prova a pensare a quanti anni fa) ero in corda cento metri prima della cassa al Cinema Orfeo per l’uscita di “Per un pugno di dollari”.
    Non so se in questo solleva il poncho, scatarra il toscanello, e tra le palpebre quella lama è ancora la stessa. Pensavo che finisse dopo Callaghan, invece Milliondollar baby era già un capolavoro: ti credo, questo lo dovrò andar a vedere. Grazie per il consiglio.
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: