Grillusconi

Ed anche Grillo “scende in campo”, come fece Berlusconi nel 1994. E anche se lui cerca di smarcarsi dalla somiglianza, il comico genovese ha molti tratti in comune con il Cavaliere. Infatti, entrambi:

1) utilizzano un proprio media per annunciare il loro impegno in politica;
2) nascono con l’ambizione di abbattere l’establishment politico;
3) si vantano di non essere dei professionisti della politica;
4) sono scesi in campo per “salvare l’Italia”;
5) hanno un programma di 10/12 punti;
6) sono milionari;
7) vengono dal mondo dello spettacolo (de facto, entrambi sono dei comici);
8 ) danno vita a movimenti personalistici e incentrati su se stessi.

Nella totalita’, pare che in Italia la vocazione messianica sia un requisito indispensabile per candidarsi a leader del paese; se non sei unto dal Signore, non ti azzardare ad aprir bocca, perche’ sei noioso, sei old, sei morto, caput. Vengono a salvare un paese e non semplicemente a governarlo, e non concepiscono il concetto di complessita’ politica: tutto deve essere riassunto in pochi chiari punti come se fosse un business plan. Alle loro spalle hanno stuoli di assistenti che rimangono nell’ombra (i seguaci di B sono le veline, i seguaci di G i grillini), creando di fatto dei movimenti monotesticolari. E propugnano il “nuovo” a tutti i costi, non riformando il vecchio ma abbattendolo senza sforzo di conciliazione. Godono del fatto di non essere dei politici esperti, ma v’immaginate un ingegnere che si vanta di non avere la laurea? Ed infine, utilizzano media dove il contraddittorio non esiste, perche’ tanto loro possiedono la Verita’.

Mi chiedo: ma perche’ in Italia non possiamo avere dei leader normali, che non sentano a tutti costi la necessità di avercelo più grande degli altri? Perche’ devono usare il Parlamento come righello per misurare la lunghezza del loro pene e il Governo come lubrificante per metterlo in culo al popolo italiano? Minchia, ma risolvere i vostri problemi psicosessuali, anziche’ salvare l’Italia no eh?

Mi si dira’: meglio un Grillo che un Franceschini o un Bersani. Ma anche no, miei cari. Mettiamola in questo modo: siete malati di ragadi rettali, cosa vorreste che il vostro dottore vi proponga? Di trasformarle in emorroidi anali oppure di curarle definitivamente? Ecco, Grillo sarebbe la prima soluzione…ma siamo cosi’ masochisti da non poter proprio fare a meno di altri dolori al culo?

Una Risposta

  1. […] Credo che in questo ritratto rientri la storia italiana degli ultimi 20 anni. Ci spiega l’ascesa politica di un genitore bambino qual e’ Berlusconi, e la sconfitta eclatante di un genitore adulto qual era Veltroni. Vorrei sottolineare che in entrambi i casi, l’italiano li guardava con occhi da bimbo e non da adulto critico. Sono entrambi figure genitoriali, accettabili perche’ preservano il loro stato di bambini. Non chiedono loro di crescere, ma solo di seguirli messianicamente. […]

Rispondi a L’Italia dei miei 40 anni « Il S@rcoTr@fficante Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: