Massacriamoli nelle sezioni!

Sono queste le parole del comandante della polizia penitenziaria di Teramo; registrate e passate ai disonori della cronaca ieri. “I detenuti non si masscrano in sezione, davanti a testimoni. Si massacrano sotto”. Un altro scandalo eccellente nelle carceri italiane (dopo quello Cucchi e dell’ex br Beflari), un’altra onta per la nostra giustizia.

Parlo di eccellente, perche’ di drammi nelle nostre carceri ce ne sono tantissimi: basti pensare che al loro interno su 1300 morti all’anno, 500 sono suicidi. Più di uno al giorno. E cosa fa il ministro della giustizia? Nella pausa caffè’ apre delle inchieste, ma non ha tempo da perdere con queste cazzate: si dedica totalmente alla legge abbrevia-prescrizione per salvare il culo al suo boss.

L’ho già detto, lo dico e continuerò a ripetere ad infinitum: stiamo assistendo alla nascita di uno regime fasci-poliziesco-mediatico. I cittadini devono scendere in piazza al più presto (il 5 dicembre, manifestazione nazionale per le dimissioni di Berlusconi), perchè questa armata brancaleone (o bracca-emigrato) va CACCIATA a calci in culo.

MASSACRIAMOLI NELLE SEZIONI…ELETTORALI, s’intende.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: