Legislazione precoce

9788889627006g

Mr B e Mr F hanno finalmente trovato l’accordo sulla (contro)riforma della giustizia. Processo breve, ma no alla prescrizione abbreviata. Una formula carina per dire esattamente la stessa cosa; partiamo da un fatto:

Durata media processi = somma durata processi / numero processi

Una riforma della giustizia, volta a diminuire la durata dei processi (come i Berluscones dichiarano sia la loro) ha due opzioni: lavorare sul numeratore o sul denominatore della precedente formula. Una riforma di lungo termine agisce sul primo, una di breve sul secondo. Perche’ la durata di un processo e’ data da numero magistrati per risorse economiche per infrastrutture: questo e’ decisamente più difficile, costoso e time-consuming.

La riforma Berlusconi ha scelto questa strada?

Funziona cosi’: un processo comprensivo dei tre gradi di appello deve arrivare alla sentenza in massimo sei anni, conclusi i quali si annulla. Parebbe cosa buona e giusta se non fosse per un dettaglio. Non garantendo più risorse umane, economiche e infrastrutturali (quindi, mantenendo il numeratore costante), la riforma si riduce semplicemente ad agire sul denominatore, ovvero tagliando il numero dei processi.

Questo non è altro che un indulto processuale bello e buono; questa non e’ certezza della pena, ma pena dell’incertezza.

Insomma, l’ennesima legge potenzialmente giusta (una vera riforma della giustizia serve e come!) caduta vittima della sindrome da legislazione precoce del Premier: tutto e subito, e al diavolo il dibattito parlamentare. L’atto legislativo ridotto ad orgasmo governativo rapido e pulito. Non e’ un caso: da un’inchiesta de La Repubblica emerge che l’attuale maggioranza approva una legge di origine governativa in 20 giorni, mentre una di tipo parlamentare almeno in 120. Se le leggi le approviamo in uno schioppo di dita, perche’ non fare lo stesso per la loro applicazione?

Prima o poi qualcuno spieghi al premier che l’eiaculazione precoce potra’ funzionare con le escort, ma non con le leggi di stato. Saremo pure un popolo di santi, poeti e navigatori, ma di marchettari non ancora. Suo malgrado.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: