Ruttocrazia

Giovanardi sospetta che adottare i figli ai gay farebbe “esplodere un’enorme commercio di bambini”. Mi sa che a esplodere è stato il suo cervello (semmai ne fosse dotato). Che aspettarsi da chi fa parte di un governo dove le liste elettorali sono carrelli della spesa di fighe e che considera la compravendita di deputati un atto legittimo?

Ma la verita’ e’ un’altra: vorremmo tanto che Giovanardi pensasse davvero quello che ha detto. Perche’ allora ci troveremmo di fronte un personaggio coerente con se stesso. Non e’ cosi’. Lui e’ uguale a Veltroni: un personaggio caduto nell’oblio, che pur di apparire sui giornali, fa dichiarazioni surreali.

Tutti i politici lottano per un “posto al sole” nei quotidiani, non a caso molti sono giornalisti. Il loro primo obiettivo non e’ fare il bene (o il male) del Paese, ma e’ soltanto dire di farlo. In conferenza stampa, se possibile. Ricordo ancora una cena con un ex deputato DS. Tutto il tempo si congratulava con il suo assistente per le tante prime pagine ottenute rispetto ai suoi nemici, ovviamente suoi colleghi di partito.

Bene o male, purche’ se ne parli. Questo e’ lo spettacolo della politica; per cui, manco entro nel merito delle dichiarazioni di Giovanardi. Se avesse fatto un rutto avrebbe avuto più credibilita’.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: