L’insostenibile leggerezza del barista

I baristi esercitano su di me un istinto primordiale di sbatterli contro la macchina del caffè e…

Sara’ perche’ li associo all’odore dei cornetti, che a loro volta associo al cibo, che a sua volta trovo erotico. Oppure, perche’ mi mostrano sempre il culo quando gli parlo. O anche, perche’ indossano una divisa impeccabile, o perche’ ti chiedono quanta crema vuoi. Fatto sta, che da quando vivo solo, mi sono fatto una quantita’ di baristi tale da aprire un franchise di Starbucks: Starfucks.

Eppure, non ho ancora trovato il barista dei miei sogni. Tanti buoni amanti, ma nessuno che mi sapesse davvero prendere di testa. Che, nonostante la vulgata che io pensi solo al culo, e’ la parte del corpo che mi eccita di più. Vedremo se il nuovo anno portera’ qualche notizia interessante sul fronte sentimentale.

Oppure sara’ l’ennesimo Fuckbook tutto fotine, mi piacini, ti trombino, ti sfanculino? Ai posteri l’Hard-ua sentenza!

Buon inizio settimana.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: