Aforismi domenicali

Tra i maggiori problemi dell’umanita’ annovero la scarsa igiene intima e del viso.

E dire che spesso le due cose coincidono!

————————————–

Stasera le 3 diventano le 2.

Che tanto ormai di legale in italia è rimasta solo l’ora.

Annunci

Gall ncopp a munnezz

A Napoli, esiste un’espressione bellissima: “O’ Gallo ncopp a munnezz”, gallo sulla spazzatura. Lo si dice di chi si crede di comandare, ma che invece è solo un insignificante sottoposto. Non mi verrebbe espressione migliore per descrivere i mille capi e capetti (di cazzo) del PD e della sinistra intera. Divisi su tutto, anche sul NULLA su cui hanno potere. Ora divampa la polemica su Renzi, ma ogni settimana ne esce una nuova.

Perchè i dirigenti del PD&Co. sono come quello che non passa il concorso nelle forze armate, e allora si accontenta di fare la guardia privata fuori le banche. Appena gli danno la pistola, non gli pare vero di avere un pò di potere per una volta nella vita. E’ questa la gente che vogliamo al Governo? Non credo proprio. E lo dicono quasi tutti i sondaggi. PD e PDL sono sostanzialmente parimerito.

In tutti i paesi occidentali, i partiti al governo durante la crisi crollano a favore del maggior partito di opposizione. Qui la situazione è in uno stallo tremendo, pestifero, appestante e devastante. Non succede mai nulla. La sinistra accusa la destra di berlusconismo, la destra accusa la sinistra di dividersi. Entrambi hanno ragione, ma sappiamo bene che la ragione è dei fessi.

Non so cosa succederà, ma intanto lasciatemi ringraziare la Sinistra. Grazie, perchè continuando così, ci regalarete altri 10, 100, 1000 anni di Berlusconi. Grazie davvero.

Trony, siamo tutti gran coglioni

Ieri Roma bloccata per l’apertura di un Trony, che offriva prezzi scontati su tutti i prodotti. 2 milioni di fatturato in un solo giorno. Gente che aveva dormito lì pur di accaparrarsi l’ultimo modello ndi gioiellino tecnologico. Vorrei fare alcune riflessioni assolutamente non richieste.

1. Alemanno non c’entra manco in questo evento di ordine pubblico? Non si poteva prevedere il “sacco di San giovanni”? E il nubifragio di una settimana fa? Questo sindaco deve prendersi le sue responsabilità e dimettersi. Altrimenti, un cazzo e tutt’uno. Anche io posso fare il sindaco.

2. Chi sono questi consumatori disposti a tante ore di fila al freddo? Parliamo chiaramente. Sono dei disperati, di due tipi. Quelli che davvero non hanno soldi, e quindi acquistare una LAVATRICE a 100 euro è una tentazione irresistibile. E quelli che invece vedono la parola SCONTO e si fiondano a comprare anche merda fritta.

Domanda: se il negozio avesse venduto cibo, ci sarebbe stata la stessa ressa? Dubito fortemente. Questo la dice lunga sui bisogni degli italiani. D’altronde i dati lo dicono chiaramente: calano i consumi alimentari, ed aumentano quelli tecnologici. Quando finiranno i soldi, ci mangeremo chip e pixel? Col cazzo.

E allora forse questa crisi può essere davvero un’opportunità. Per tornare alla realtà. Alla vita VERA. Solo quando brucia il mazzo, ci si ricorda di averne uno.

Pagliacci

Ridi Pagliaccio – cantava Pavarotti, nella celebre aria “Vesti la Giubba”.

Bei tempi quando eravamo noi italiani a ridere di qualcosa o di qualcuno. Ormai a ridere sono gli altri di noi. E la novità di ieri è che neanche più cercano di nasconderlo: basta guardare questo video tra Merkel e Sarkozy, dove i due premier ridono ad una domanda su Berlusconi. Rispetterà gl’impegni economici? Scoppia la risata della sala stampa, e dei due leader.

Succede. Quando chiami CULONA INCHIAVABILE la donna più potente del mondo, o quando prometti invano ai Francesi di liberare il posto di Bini Smaghi al board della BCE, o quando vai al congresso di Scilipoti, mentre la speculazione ci divora vivi, o quando prometti per metà ottobre il ddl sviluppo, per poi dichiarare di “non avere fretta”.

Credetemi, ieri alla visione del video, ho avuto un conato di vomito. Non ci bastavano i problemi strutturali dell’Italia, dovevamo pure aggiungere quelli che ci crea il nostro primo ministro. La rabbia, ma anche l’impotenza e la paura di essere commissariati dall’Europa, perchè non siamo in grado di vedercela da soli. Noi italiani, che abbiamo fondato la UE assieme a Francia e Germania, siamo estromessi da ogni decisione importante sull’Unione Europea. E’ ufficiale.

Perchè deve interessarci tutti? Perchè l’Europa, se dovesse intervenire da sola, non sarebbe molto magnanima. Imporrebbe misure draconiane alla greca, subito, senza proroghe o indecisioni. Molti economisti gioirebbero, ma il paese crollerebbe nella recessione più grande di sempre. Abolizione dell’articolo 18, distruzione del sistema pensionistico e del welfare, privatizzazioni dei beni comuni.

Divertente. Il sistema liberistico antistatale manda in crisi tutto il mondo, e la cura da cavalli proposta dai grandi della terra è…aumentare il sistema liberistico. Come se ad un malato di AIDS si consigliasse di fare sesso senza preservativo, tanto ormai il danno è fatto. Eh già, la speranza che la situazione si riprenda è davvero bassa, se si continuano a dare sempre le stesse ricette che hanno fallito.

E questa filosofia l’abbiamo arginata fino d’ora, perchè siamo uno stato forte, indipendente e credibile. O meglio, lo eravamo. Se viene meno anche questa barriera politica, siamo letteralmente nella merda. Possibile che non esista un orgoglio italiano che ci faccia riscattare dalla fogna in cui ci siamo messi? Dobbiamo assolutamente liberarci da questo governo, da questi politici, da questa classe dirigente.

Basta. Basta. Basta. Smettetela di fottervene, altrimenti vi fotteranno loro.

Movimento di Rappresaglia Anale

Mi ero ripromesso di non parlarne, ma e’ inevitabile. Più forte di me. Ieri si e’ consumato il primo congresso del Movimento di Responsabilita’ Nazionale di Scilipoti; ha partecipato anche Berlusconi. Per sancire la partnership tra governo e “Mimmo”, Silvio ha detto: “Con voi, faremo le riforme”. Vana e’ la speranza che vadano entrambi al Riformatorio. Anche perche’ Berlusconi non lo si puo’ tenere vicino ai minorenni. Scilipoti, galvanizzato dalla presenza del premier, ha filosofeggiato: “La Responsabilità e’ lo spermatozoo del mondo nuovo. Siamo stati fecondati dal popolo”. Berlusconi ha applaudito, per poi andare in bagno a spararsi una sega.

Ma la sintonia non finisce qui. “Come spiego a mio figlio che una coppia di fatto e’ una famiglia? Non possono manco procreare!” cosi ha incitato la folla Mimmo Scilipoti. Denunciando non solo ignoranza (il 90% delle coppie di fatto sono etero, e possono procreare), ma anche omofobia pura e dura. Due elementi in cui Silvio ci sguazza alla grande. Tant’e’ che il giorno prima ai suoi aveva detto: “L’unica accusa mai rivoltami e’ quella di esser gay”. Presidente: 1. Esser gay non e’ un crimine, ergo non esiste accusa 2. Se fosse gay, noi omosessuali saremmo in lutto per degrado della categoria 3. Perche’ e’ ossessionato dai gay? Non e’ che alla fine le piace pure?

Ricapitolando. Le sorti del Paese, nel momento più critico dal dopo-guerra, sono nelle mani di un Demente (come definireste Bossi dal punto di vista strettamente clinico?), da un Nano Pedofilo, e da un Omeopata Omofobo. Questo non è un governo, ma una clinica. E sapete la cosa peggiore? Il NULLA ASSOLUTO come alternativa a loro.

A volte, ti prende uno sconforto che manco una puntata di Amici con le solite ricchione-che-si-fingono-etero fa passare via.

Sic TRANSit gloria (IM)mundi

La fine del Berlusconismo e’ intrisa di ironia e burlesque.

Cerco’ di fare una legge contro la prostituzione, e viene beccato in “cene eleganti” con delle escort. Vince con il potere della TV, ma perde le amministrative ed il referendum grazie ad Internet. Amico fedele di Gheddafi, gli si rivolta contro quando questi muore nel peggiore dei modi (snocciolando il suo latinorum alla Don Abbondio). Odia le tasse e deride la lotta all’evasione fiscale, ed e’ costretto ad inserirla nella manovra d’estate. Ed ora, anche l’omonimia gli si mette contro. Nemico di un Visco dell’ultimo governo Prodi, nomina Governatore di Bankitalia proprio Visco (un altro).

Se il cerone lasciasse traspirare qualcosa, quest’uomo trasuderebbe gocce di incoerenza. La storia, personale e non, lo ha incastrato e smascherato cosi tante volte che quasi fa tenerezza. Ma anche no, a dire il vero. Chissa’ se, vedendo la trucida morte del suo ex amico Gheddafi, abbia temuto anche per la sua incolumita’. Noi non siamo una dittatura, ma non ce la passiamo affatto bene. Gl’indignati a Roma hanno organizzato il corteo più grande al mondo. Duecentomila persone, contro le decina di migliaia delle altre citta’. Anziche’ farci mille pippe sui black block (dementi da incarcerare, e punto), perche’ nessuno si chiede il motivo di tanta partecipazione popolare?

Noi non siamo la Libia. Ma non siamo manco la Germania o la Francia. E cos’avremmo di meno? Cosa ci manca se non una classe politica decente? Il berlusconismo ha fatto campare destra e sinistra, ed ora che la fine e’ vicina, tutti si cagano sotto. Tutti.

Sic transit gloria mundi pure per l’Italia?

Il Premier Sticazzi

Ddl sviluppo si, ddl sviluppo no. Silvio: “non ho fretta, non ci sono i soldi, m’inventero’ qualcosa”. Dalle indiscrezioni sui giornali, pare pensi a liberalizzare le estetiste. Dopo il laser depilatorio regalato a Ruby, il premier e’ molto sensibile alle esigenze della categoria.

Peccato non abbia fretta, perche’ gli speculatori si, eccome. Abbiamo lo spread bpt-bund sempre più in rialzo, una produzione industriale che ristagna, la disoccupazione giovanile (al netto dell’estetiste) attorno al 30%, la povertà sale al 14%, e mezzo Paese in assetto di guerra civile. Manco io avrei fretta a pensarci bene.

Il nostro Premier pare applicare il rinomato “Metodo Sticazzi“. Una filosofia newage molto in voga ad Hollywood ed in Brianza. Funziona cosi’: davanti ad un problema, gira i tacchi (letteralmente nel caso di Silvio), e ripeti STICAZZI. Il problema sparira’ magicamente. Puff!

Anche io ho seguito il suo esempio. Ho provato a dire STICAZZI al mio datore di lavoro, al mio padrone di casa, al benzinaio e al supermercato. Ma mi hanno sonoramente mandato A FARE IN CULO. Che strano: io dico cazzo, loro rispondono culo. Questo paese e’ davvero confuso.

Meno male che Silvio c’e’…e STICAZZI!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: