Whatsapp – Regole di sopravvivenza

Finiscono relazioni. Si distruggono amicizie. Cadono come mosche. Tutte a causa di whatsapp. Che avrà reso la messaggistica gratis, ma il prezzo che stiamo pagando è molto caro. Ormai non esistono più le mezze espressioni. Nel mondo di whatsapp esistono delle regole di sopravvivenza ben precise – a cui non bisogna mai derogare, altrimenti si rischia di perdere pure i genitori.

———————-

Ecco un decalogo non ufficiale delle cose da non fare MAI.

1. Se “visualizzi” un messaggio, rispondi SUBITO. La mancata risposta a breve sarà reato inserito nel codice penale;

2. L’opzione “Last Seen” va impostata su “Nobody“. Quasi sempre è meglio non sapere un cazzo dell’altro (e viceversa);

3. Lo status va aggiornato, altrimenti cancellalo. “Ultimo aggiornamento 365 giorni fa” significa che non ti fai il bidè, sei una persona trascurata;

4. Il nick name non deve riportare Nome e Cognome: se lo fai, sei triste, formale, lavori alle Poste, sei impotente;

5. La foto profilo non può essere un braccio, una milza o un paesaggio: nell’epoca dei selfie, non avere una foto di viso significa odiarsi ed esser tendente al suicidio;

6. Non eccedere nell’uso dell’emoticon. Usa solo quelle chiare e nette – troppe faccine significano che sei o spastico o analfabeta;

7. Sempre sull’emoticon. Se vuoi aumentare la tua redemption sociale, usa l’orsetto o il tigrotto. Sono evergreen;

8. Nei gruppi, non includere persone che non si conoscono dal vivo: può scattare la denuncia;

9. Mai avere un numero whatsapp diverso dal numero su cui ricevi chiamate: se lo fai, sei solo una troia;

10. Mai immettersi in una chat da ubbriaco. Scripta manent. E sono bei cetrioli in culo poi.

———————-

Rispetta tutte le regole di cui sopra e non avrai problemi. In caso contrario, dici ADDIO ai tuoi cari, o semplicemente disinstalla Whatsapp.

Peace!

Annunci

No excuses

Troncheresti una relazione con una persona che ti trascura, ti tratta alla stregua di un’ombra, ti offende e ferisce costantemente, ti da mille preoccupazioni e non ti da niente in cambio?

Bene, allora suicidati, perché quella persona sei tu.

Non so come dirlo alle persone che vedo ogni giorno: prima impara ad amarti a dismisura, arricchisciti e poi, eventualmente, apriti ad un’altra persona. Se inverti il processo, non avrai una relazione, ma una tortura.

Mi rendo conto che servono forza e indipendenza, bisogna saper affrontare la solitudine con gioia, e con coraggio. Sono qualità che abbiamo tutti, basta tirarle fuori e viverle a pieno.

Siamo nati tutti uguali in queste faccende, e le nostre scelte fanno la differenza. Non ci sono eccezioni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: