Biancofiore e i sette trans

Rimossa dalle Pari Opportunità. Letta spedisce la Biancofiore alla Semplificazione, dopo l’intervista su La Repubblica dove l’amazzone berlusconiana dichiarava: “Il problema non sono io, ma i gay che si ghettizzano da soli” e rincarava: “non è normale che un uomo vada con una trans. Come donna non lo accetto”. Tutti sotto shock, ma che aspettarsi da una che si chiama Michaela? Dai, ma se pure i genitori la odiavano appena nata, figurati ‘sta femmina quanta rabbia c’ha dentro.

Per entrare nel merito delle parole, ci sono una serie di impliciti che vanno analizzati per bene.

1) La Biancofiore considera il 10% della popolazione (stime OMS) un “problema”. Che unendosi al 30% della sinistra e il 25% del M5S – per cui ha speso sempre parole di odio passivo-aggressivo – siamo al 65% degli italiani. Sociopata la signora MICHAELA.

2) I gay si ghettizzano solo perché chiedono insistemente i diritti che hanno tutti? Beh a questo punto, anche il suo Silviuccio si ghettizza, perchè c’ha scassato le palle con sta IMU, manco fosse l’unico problema italiano.

3) Che un uomo vada con le trans rientra nella normalità delle cose. Se MICHAELA non lo accetta è forse perchè non ama la concorrenza?

Ironie a parte, sono contento sia successo questo episodio. Letta ha così dimostrato di avere a cuore le istanze di tutte le minoranze, senza se e senza ma. La scelta del primo ministro italiano di colore aveva già dato il senso della visione del Premier, e questo episodio ne sottolinea la pratica. Non è un semplice contentino stile Denny Mendez Miss Italia ’96, si tratta di valori politici inderogabili.

Ora vengano le leggi che ne sono la più naturale conseguenza (cittadinanza figli immigrati, matrimoni gay, legge contro omofobia). Senza le quali l’Italia potrà ancora avere in giro personaggi come MICHAELA.

Allegria!

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: