Terremotorola

La prima cosa che ho pensato quando il terremoto mi ha svegliato l’altra sera e’ stata la peperonata della sera prima. “Cazzo non devo più mangiarla alla 10 di sera”. Il secondo pensiero invece è stato:”cazzo, no, ora muoio e mi sono appena comprato il blackberry..manco me lo godo!”. Ed infine, l’ultimo dell’amena serie: “cazzo, ho buttato 400 euro nel cesso!!”.

 

Questo inconsueto flusso di incoscienza sismica la dice lunga sulla mia vita: prima penso alla pancia, poi alla tecnologia e poi ai soldi. E dire che pensavo che i miei valori fossero dio, patria e famiglia!

 

Ps. Cazzate a parte, inviate tutti un sms vuoto al 48580 – donerete un euro per gli sfollati.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: