Complotto

Esiste un complotto che mira a far fuori Berlusconi. Chi si cela dietro questo attentato al miglior premier da 150 anni? I magistrati? I comunisti? La Binetti? No! Sono i suoi stessi dipendenti (parlamentari e non). Abbiamo raccolto una serie d’indizi.

1) Blitz del pidiellino Vitali. Spunta una sua proposta prescrizione breve per gli over 65. Opposizione insorge. Berlusconi non ne sapeva nulla. Lui s’interessa solo alle under 18.

2) Prima alla manifestazione delle donne, poi ieri ad Annozero. Emma Marrone e’ scatenata contro il governo. Maria de Filippi, oltrei ai froci, nasconde pure i comunisti nella sua scuderia?

3) Bersani ha raccolto 10 milioni di firme contro il premier. Molte sono a nome dello stesso Berlusconi. Ghedini, pensando si trattasse di un ennesimo lodo, ha firmato compulsivamente a nome del capo.

4) Federalismo, le regioni leghiste attaccano i provvedimenti del governo. Bossi da ministro li attacca, e da leghista gli da ragione. A mediare, Gianni Letta che ha padronanza nel trattare lo schizofrenia da 16 anni.

5) Non bastava il Bunga Bunga. Condannato a 15 anni l’ex assessore alla famiglia di Alemanno, don Ruggero Conti. Violento’ 7 ragazzini. Bimbo, bimbo!

Povero Silvio. Si circonda, a sua insaputa (chiaro!), di pederasti, schizofrenici e grafomani. Senza considerare gli amichetti che cercano di estorcergli denaro. Passi 74 anni della tua vita a costruirti un impero, e ti ritrovi a vivere in una cloaca ad un passo dalla morte.

Devo dirtelo. Silvio, mi fai davvero pena (in tutti i sensi).

Annunci

Laicità

Un termine sputtanato nel discorso politico italiano almeno quanto “riformismo”. L’etimologia della parola deriva dal greco Laikos, del popolo: era laica qualsiasi decisione presa dal popolo e non da istituzioni religiose.  Un atteggiamento si dice laico quando e’ scevro da qualsiasi condizionamento ed e’ improntato al bene collettivo.

Possiamo dire che gli USA siano un paese laico? Analizziamo due decisioni di ieri della Corte Suprema: da un lato, ha definito legittimo processare lo Stato Vaticano per i casi di pedofilia; dall’altro, ha eliminato i limiti all’uso delle armi private dichiarando la legittima difesa un diritto costituzionale inalienabile. Dall’ottica italiana (medievale) sembrano due posizioni inconciliabili: la prima liberal e la seconda conservatrice. Ma hanno una matrice comune: l’osservazione “laica” del dettato costituzionale. Entrambi i principi (certezza della pena e autodifesa) sono diritti garantiti dai padri fondatori e come tali vanno tutelati senza se e senza ma. Perche’ la laicita’ e’ un metodo di giudizio, non un giudizio in se’.

Osserviamo ora l’Italia. I nostri politici hanno un atteggiamento laico nei confronti della res pubblica? Seguono cioe’ la massima espressione di “laicita’” che e’ la nostra costituzione? Ieri tre eventi hanno scandito l’agenda politica nostrana: Berlusconi invitava a “scioperare” contro i giornali; il neoministro Brancher rifiutava le dimissioni nonostante abbia un processo in atto e non abbia alcuna delega ufficiale; proposto un condono arecheologico, che depenalizza il possesso di beni di interesse storico. Tre punti politici che fanno puzzare di cadavere la suddetta laicita’.

Molti contrappongono la laicità alla religiosità – ma lo trovo antico, perchè il vero nemico giurato è il populismo. La differenza sostanziale è l’uso che si fa del “consenso popolare”: il politico laico lo vede come una delega provvisoria, il secondo come lascia-passare. Cosa sia meglio lo lascio decidere a voi, ma su una cosa posso essere certo: in questo paese, il laico è benvenuto quanto un immigrato. Fra poco, ci toccherà andare in giro con il permesso di soggiorno.

Chiesa Nord

La Chiesa cattolica è solo una succursale appenninica della Lega Nord.

Stamane, leggendo delle nuove disposizioni in merito di pedofilia nel Vaticano, mi ero per un secondo meravigliato. Condanna immediata alle autorita’ civili, laicizzazione automatica del colpevole senza processi e potere d’investigazione dei vescovi. Un vero colpo di spugna; ma mi sbagliavo. Commentando la notizia, Bertone ha detto: “La pedofilia non va collegata al celibato, ma semmai all’omosessualita’“. E questa dichiarazione va a braccetto con quella, poi vigliaccamente smentita, da mons. Babini:  ” E’  tutta una campagna mediatica degli ebrei e degli omosessuali”.

Questa Chiesa mi fa schifo, lo dico senza mezzi termini.

E’ una Chiesa che odia la gente, perche’ e’ solo un potentato mafioso, un ricettacolo di voti di scambio con la politica italiana, un crogiolo di razzisti reazionari, omofobi repressi e aristocratici finto-populisti. Mi fa ancora più schifo, perche’ oscura l’ottimo lavoro che la chiesa (con la c minuscola) fa sul territorio, con la gente, con i poveri. La vera chiesa.

Rimane un solo punto che impedisce la piena fusione tra il Vaticano e la Lega: l’immigrazione. Ma la sintesi si potrebbe trovare in un batter d’occhio: che dire dei moltissimi immigrati (soprattutto, sudamericani) fuggiti dai loro paesi, perchè perseguitati per l’orientamento sessuale? In quel caso, ‘fanculo l’integrazione: che muoiano nei loro paesi. No, caro Joseph?

Pedotremontifilia

Hanno arrestato 28 persone per “divulgazione di materiale pedopornografico”.

Poi leggo di Tremonti che “salverà tutte le banche”.

Sarà reato anche leggere articoli su bimbi megalomani?

No!

A: “Il Papa dice che i comandamenti non sono un pacco di NO
B: “Si sa, i preti se ne intendono di pacchi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: