Il sesso, secondo chi non lo fa

Il nuovo libro del Papa, Luce del mondo, e’ andato a ruba. Alcuni stralci sono trapelati nei giorni scorsi e sono davvero interessanti. Entrambi riguardano il magnifico mondo del sesso.

1) Il preservativo e’ giustificato in alcuni casi. Esempio: lo e’ se una prostituta lo usa con il cliente, perche’ indica una presa di coscienza di rischio per l’altro; 2) L’omosessualita’ e’ contro natura, anche se e’ una grande prova da affrontare.

Sul secondo punto non spendero’ più parole, ho gia’ sbugiardato ampiamente questa tautologia in precedenza (“se fosse contronatura, come mai i figli gay nascono da famiglie etero?”). Vorrei soffermarmi sul primo: inverecondo e inverificabile.

Inverecondo, perche’ ribalta i ruoli della questione, considerando la prostituta carnefice ed il cliente vittima; e perche’ da per assodato che tutte le prostitute siano malate. Illogico, perche’ se e’ vero che il preservativo protegge dalle presunte malattie delle prostitute, allora serve anche contro le malattie contratte da tutti gli altri. Perche’ escluderli dal ragionamento? Forse chi va a prostitute e’ più degno di protezione di chi non ci va?

La profonda miopia sociologica che emerge da queste affermazioni ha una sola spiegazione: incompetenza. Se il Papa&co non hanno mai fatto sesso, perche’ mai dovrebbero esserne esperti? Come si fa a pontificare su qualcosa di cui non si ha esperienza?

Carissimi, di una cosa bisogna dare atto al caro Joseph. Il titolo stavolta e’ davvero azzeccato: ora più che mai, ci ha illuminato sulla sua visione del mondo. E ci getta nel buio più medievale possibile.

L’attentore di NYC!

New York e’ tornata nel panico. Un’autobomba e’ stata disinnescata nel cuore turistico della citta’, Times Square. Gl’indizi lasciati dall’attentore appaiono inequivocabili: uno stralcio di cravatta verde, bavetta, un’ampolla rotta, una bandiera italiana sporca di merda, e una maglietta contro l’Islam. L’attentore e’ il ministro Calderoli!

Ieri ha dapprima cercato rifugio da Lucia Annunziata, ma era evidentemente in preda al panico; “Non verro’ alle celebrazioni dell’Unita’ d’Italia”: probabilmente per non essere scovato dall’FBI.
Dopo ha tentato a casa dell’amico ministro Scajola, ma li’ c’erano più poliziotti che in RIS squadra anticrimine. Cosi ha chiesto asilo all’amico Ratzinger, ma Jos era gia’ occupato ad inginocchiarsi…davanti la Sindone, ovviamente!

Alla fine, al ministro più semplice d’Italia non e’ rimasta che una possibilita’: il divino fiume PO, dove si e’ strozzato tentando di arrestare una trota fuggita dalla marea nera della Lousiana e quindi, non in possesso di regolare permesso di soggiorno. Ma il buio lo ha tratto in inganno: era solo il figlio di Bossi.

E cosi’, e’ morto un grande eroe della Patria. L’ultimo della sua statura politica. Lo rimpiangeranno in molti, ma al momento non ci sovviene chi.

Chiesa Nord

La Chiesa cattolica è solo una succursale appenninica della Lega Nord.

Stamane, leggendo delle nuove disposizioni in merito di pedofilia nel Vaticano, mi ero per un secondo meravigliato. Condanna immediata alle autorita’ civili, laicizzazione automatica del colpevole senza processi e potere d’investigazione dei vescovi. Un vero colpo di spugna; ma mi sbagliavo. Commentando la notizia, Bertone ha detto: “La pedofilia non va collegata al celibato, ma semmai all’omosessualita’“. E questa dichiarazione va a braccetto con quella, poi vigliaccamente smentita, da mons. Babini:  ” E’  tutta una campagna mediatica degli ebrei e degli omosessuali”.

Questa Chiesa mi fa schifo, lo dico senza mezzi termini.

E’ una Chiesa che odia la gente, perche’ e’ solo un potentato mafioso, un ricettacolo di voti di scambio con la politica italiana, un crogiolo di razzisti reazionari, omofobi repressi e aristocratici finto-populisti. Mi fa ancora più schifo, perche’ oscura l’ottimo lavoro che la chiesa (con la c minuscola) fa sul territorio, con la gente, con i poveri. La vera chiesa.

Rimane un solo punto che impedisce la piena fusione tra il Vaticano e la Lega: l’immigrazione. Ma la sintesi si potrebbe trovare in un batter d’occhio: che dire dei moltissimi immigrati (soprattutto, sudamericani) fuggiti dai loro paesi, perchè perseguitati per l’orientamento sessuale? In quel caso, ‘fanculo l’integrazione: che muoiano nei loro paesi. No, caro Joseph?

Il Pene universale

L’ultimo scandalo di pedofilia targato Vaticano USA è il primo con tanto di lettera d’insabbiamento dell’attuale Papa Joseph Ratzinger, che evitò la laicizzazione di un prete accusato. Ecco il passaggio chiave: “Questa corte, sebbene consideri gli argomenti a favore della rimozione in questo caso di grande significato, ritiene tuttavia necessario considerare il bene della Chiesa universale”.

Ironico: per Joseph Ratzinger il Bene della Chiesa universale coincide con il Pene individuale del prete che così ha continuato a stare a contatto con minori per anni, “violentandone a tonnellate” – come lui stesso a dichiarato. Al danno la beffa: le reazioni della Chiesa a questo scoop sono a dir poco surreali.

Ratzinger: “Sono pronto ad incontrare le vittime”. Ma che hanno fatto per essere puniti la seconda volta?. Padre Lombardi, capo ufficio stampa Vaticano: “Non necessario rispondere ad ogni singolo documento citato al di fuori del contesto”. Padre, commissioniamo un bel plastico a Bruno Vespa e ne andiamo a parlare in TV? Così le spieghiamo bene com’era il contesto.

La Chiesa, come tutte le istituzioni maschiliste e o-sesso-nate, si dimostra per quello che è: un crogiolo di pervesioni sessuali e sublimazioni di libido senza fine. Possiamo metterci un prosciuto davanti agli occhi, possiamo urlare alla strumentalizzazione dei casi di cronaca, ma la natura umana non si può negare: il proibito è quanto di più desiderato, dalla notte dei tempi.

Se questi signori si dicono gli unici a guidare le sorti dello spirito umano, dovrebbero iniziare a dimostrarne la conoscenza e ad agire di conseguenza. Perchè non ci siano dubbi: l’insabbiamento è modus operandi mafioso, e non certo spirituale. Amen.

Non allarghiamoci

Giganti contro un Nano

Giganti contro un Nano

Joseph “Mozilla” Ratzinger ha tuonato contro le famiglie allargate: rovinerebbero l’equilibrio dei bambini*. Ed anche Berlusconi si allarga un bel po’: ha ordinato al ministro-scagnozzo Scajola di convocare i vertici RAI per indagare sulla prima puntata di AnnoZero. Allo stesso tempo, anche Obama ha ottenuto un allargamento del G8: d’ora in poi le decisioni economiche si prenderanno al G20. Tre tipi di allargamento, due tipi di politiche: Obama contro RatziSconi. Progresso? No, grazie, siamo italiani!

Mette tristezza il confronto, eppure l’Italia è diventata sempre più piccola rispetto al resto del mondo. Chi siamo noi rispetto a giganti come India, Cina, e USA? La foto che ieri dipingeva un Berlusconi marpione intento ad abbracciare Michelle Obama (che lo schiva abilmente) da il segno del dislivello di statura tra noi e loro. Storica, morale, politica, economica, sociale.

Mentre il resto del mondo parla di economia sostenibile, da noi si parla di cosa sostiene le tette di Carmen di Pietro; mentre nel mondo si parla di libertà civili, da noi si discute di limitare la libertà di stampa; mentre Obama lotta per una riforma della Sanità, noi lottiamo affinchè il Presidente non perda la sua di sanità. Mentale.

Ieri Michelle ha abbracciato quasi tutti i leader occidentali, ma con Berlusconi si è limitata ad una stretta di mano, tendendosi a debita distanza. Voi l’avreste abbracciato uno che va a puttane prima di ogni incontro istituzionale? Magari Michelle aveva paura di beccarsi la suina da un uomo la cui porcaggine è ormai nota globalmente.

Al prossimo G20, si vocifera, Berlusconi verrà derattizzato prima di ogni incontro; e ai leader globali sarà distribuita Amuchina nel caso al Cavaliere prendesse uno dei suoi soliti raptus di amore in cui abbraccia tutti e tutto.

Angela, Barack, Nicholas, Ju e Gordon sappiatelo: Silvio è in agguato – sempre pronto ad allargarsi in qualsiasi occasione. Siete avvertiti!


* Invece le famiglie dove la mamma subisce le angherie del padre puttaniere davanti agli occhi inermi dei figli è decisamente un toccasana per l’equilibrio mentale degli adolescenti. A questo punto, dotiamo ogni bimbo di cilicio da piccolo: almeno già si abitua al masochismo.

Per fare un albero, ci vuole un SEME!

Riassumendo: io sono tedesco, sono stato per anni a capo dell’ufficio protocolli dogmi e orpelli liturgici, muore il mio boss e decidono che devo sostituirlo di fretta e in furia; ma io odio la gente, la odio profondamente – ed il mio nuovo lavoro mi obbliga al contatto con la lurida plebe. Ma siccome amo la par condicio, faccio di tutto per farmi odiare a mia volta: re-introduco la messa in latino e la preghiera per la conversione degli ebrei, re-introduco regole severe per l’abbigliamento dei preti, tolgo la scomunica ai miei colleghi negazionisti, appoggio l’omosessualità come reato e mi prendo un segretario bono alla faccia di tutte le altre frociette della curia.

Poi un giorno l’illuminazione: non sono ancora andato a sfrantumare i coglioni agli africani – loro potrebbero ancora amarmi! Devo fare qualcosa per interrompere questa odiosa ondata d’amore nei miei confronti, ma come devo fare? Come posso farmi odiare in una sola battuta? EUREKA: Auguro loro di beccarsi quanta più AIDS possibile…si, però, non posso dirglielo così, altrimenti i radicali mi piazzano un dildo nella papa-mobile per protesta..no, no, devo inventarmi un altro modo, magari più carino….ecco la frase giusta:

“Africa, l’AIDS non si vince con il preservativo!”

Ecco si, con questa dichiariazione me ne buttano addosso degli usati – ed mi odieranno per sempre. Meno male, sai che figura di merda con i miei amici lefevriani se fossi stato ancora amato dai quei sporchi africani!

Ah, che fatica fare il PAPA!

YouPope

La notizia sul canale che Ratzinger pubblicherà presto su Youtube mi ha leggermente destabilizzato. Sarà la pasta e fagioli di mia madre (ogni volta che torno a Napoli, mi fa pagare il fatto di essermene fuggito di casa a 18 anni), oppure la puzza di spazzatura che emana ogni lato della strada, oppure il fatto di non stare con il mio amore stasera. Boh.

Però perchè tutti i dementi sentono l’esigenza di aprire un canale su youtube? E prima Mastella, poi Brunetta, poi la Gelmini ed ora la Papessa. Da quando questi personaggi più vecchi del cucco hanno pensato che diventare 2.0 li faccia sembrare più cool?

Me l’immagino già i fottuti papa-boys masturbarsi sui video della loro eroina vestita d’ermellino. Scusate, vado a vomitare…la mia fantasia è andata decisamente oltre.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: