Il Premier Sticazzi

Ddl sviluppo si, ddl sviluppo no. Silvio: “non ho fretta, non ci sono i soldi, m’inventero’ qualcosa”. Dalle indiscrezioni sui giornali, pare pensi a liberalizzare le estetiste. Dopo il laser depilatorio regalato a Ruby, il premier e’ molto sensibile alle esigenze della categoria.

Peccato non abbia fretta, perche’ gli speculatori si, eccome. Abbiamo lo spread bpt-bund sempre più in rialzo, una produzione industriale che ristagna, la disoccupazione giovanile (al netto dell’estetiste) attorno al 30%, la povertà sale al 14%, e mezzo Paese in assetto di guerra civile. Manco io avrei fretta a pensarci bene.

Il nostro Premier pare applicare il rinomato “Metodo Sticazzi“. Una filosofia newage molto in voga ad Hollywood ed in Brianza. Funziona cosi’: davanti ad un problema, gira i tacchi (letteralmente nel caso di Silvio), e ripeti STICAZZI. Il problema sparira’ magicamente. Puff!

Anche io ho seguito il suo esempio. Ho provato a dire STICAZZI al mio datore di lavoro, al mio padrone di casa, al benzinaio e al supermercato. Ma mi hanno sonoramente mandato A FARE IN CULO. Che strano: io dico cazzo, loro rispondono culo. Questo paese e’ davvero confuso.

Meno male che Silvio c’e’…e STICAZZI!

Annunci

Paletti

Troppo figo governare l’Italia cosi’. Non fai un cazzo per due anni (o meglio, ne fai tanti, ma i tuoi) e poi un giorno ti svegli e dici: c’e’ la crisi Greca, tagliamo tutto! E all’indomani, fai anche un’altra misteriosa scoperta: l’Europa.

Immagino Berlusconi svegliarsi a palazzo Grazioli, scansare le tre o quattro escort ai piedi del suo letto, aggiustarsi il pacco, dirigersi al bagno, e cagare. Li’, nel climax anal-fecale, sente che le feci non scendono, è in crisi, ma ha la rivelazione catartica: Eureka! Ci sono i paletti dell’Europa! Chiama subito Sacconi e gli impartisce il disco vendita: alziamo l’eta’ pensionabile delle donne a 65 anni, così risparmiamo soldi, dai la colpa all’Europa.

Gli altri paletti dell’Europa devono averli dimenticati. Perche’ l’eta’ era solo l’ultimo di una serie di provvedimenti a favore della parita’ di lavoro tra uomo e donna. In Italia, abbiamo il tasso di occupazione femminile più basso, non ci sono leggi sulla flessibilita’ d’orario, le donne lavorano di più (si somma il lavoro a casa) e guadagnano di meno degli uomini. Ogni fottuta cellula della nostra societa’ dice espressamente: tu donna sforna figli e stattene a casa. E ti deve pure piacere, TROIA!

Ma a questi governanti “sbadati” propongo un piccolo trucco mnemonico; anziche’ la Politica dei Paletti, propongo i Paletti nei Politici. Vediamo se cosi’ si ricordano le prossime volte.

Pigrocrazia

Ieri Obama ha ricevuto il Nobel per la Pace affermando: “Dopo le guerre mondiali, il Mondo capi’ che necessitava di istituzioni per evitarne altre”. Una lezione di scienza politica tra le più basilari.

Ieri Berlusconi al congresso del Ppe di Bonn ha attaccato tutte le istituzioni italiane: “La Corte costituzionale e’ comunista, i giudici fanno partito, ma io cambiero’ la Costituzione”. Una lezione di incoscienza politica tra le più becere. Ieri Fabrizio Corona, un’emanazione sulfurea di Berlusconi, e’ stato condannato per l’inchiesta Vallettopoli: “Mi vergogno dell’Italia, vado in Brasile”. L’allievo ha compreso bene la lezione del maestro.

Perche’ il Premier italiano e i suoi figliocci sono cosi’ diversi da Obama?

Cosa abbiamo fatto per meritarci questo?

A fine giornata, la risposta: pubblicata una relazione del ministero del Welfare dove si afferma che il 40,2% degli italiani e’ pigro. Per cui, se anche’ il 40% degli italiani vota Berlusconi, chi vota Berlusconi e’ pigro! Non a caso un pigro, tecnicamente, è “colui che ha il culo pesante”. Ne consegue che costui sia più propenso a fidarsi e a votare chi abbia la faccia come il culo.

Ma a questo punto un dubbio: cosa ne è del restante 60% degli italiani? Non saranno pigri, ma coglioni ci sono a pieno diritto: lo disse lo stesso Premier, e i fatti non lo smentiscono (perche’ nessuno si ribella davvero alla Pigrocrazia imperante?).

E allora, cosa aspettarsi da un Paese diviso tra culi pesanti e coglioni? Solo un Premier coglione con la faccia di culo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: