Testicolamento Biologico

Sono stato assente da questi schermi per un bel pò. Per capire il perchè vi invito a leggere qualche post fa. Mi scuso con i miei assidui lettori, tra cui annovero rinomati stupratori di cani, papponi di poveri ravioli cinesi, drogati di analgesici, amanti dei dildo e qualche simpatico squartatore di quaglie.

In questi giorni, ho pensato tanto al caso Eluana (originalità, dove sei?). E ho pensato che tanto inchiostro e fiato sprecati per il caso di una donna a cui bastava dargli una mazzata in testa e voilà, les jeuxes sont fait. Ed invece no: speciali in TV e rubriche sulle riviste, giornalisti che si licenziano, Berlusconi con crisi d’identità neonapoleniche, la Chiesa che si masturba sul parrucchino del premier (quale sarà il loro prossimo passo pro-vita? Vietare di mangiare le uova perchè anche quello è un embrione di pulcino?), il PD che brancola nel buio del suo vuoto ideologico, la Costituzione violata (Alemanno era già pronto a difenderla dai rumeni), i Parlamentari costretti persino ad andare alla Camera a votare! Insomma, un bello scossone per la nostra società addormentata dall’immagine di sè stessa al Grande Silicone televisivo.

Ed intanto qualcuno si è dimenticato che stiamo attraversando la crisi economica più ampia degli ultimi tempi. Posso essere d’accordo con tutto le politiche da PANEM e CIRCENSEM però cazzo: ma chi se ne sbatte di una morta in un ospedale quando stanno morendo di fame e disoccupazione migliaia di persone?

P.s. Colgo l’occasione per comunicare al mondo intero che io NON VOGLIO ESSERE ATTACCATO A NESSUN TUBO. Tutta la mia adolescenza l’ho passata attaccato al tubo catodico – non vorrei passare la mia vecchiaia attaccato ad un altro – fatemi pure schiattare in pace, ok?

Annunci

Il testamento di Betori sul testamento biologico

Betori lascia la CEI – lo sostituirà Mariano Crociata (omen nomen, miei cari trafficanti).

Non contento di tutte le altre minchiate dette, ecco che lascia le scene con le conclusioni dei lavori della CEI sul “fine vita”, ovvero, il solito modo da romanzo catto-harmony per dire “testamento biologico” – l’equivalente di “membro villoso” per dire “cazzo peloso”. I cattolici ADORANO chiamare le cose con un nome diverso dal proprio: “masturbarsi” si dice “toccarsi sotto” – “pomiciare” si dice “fornicare” (che da piccolo mi faceva venire in mente un formichiere, orrore) – “trombare” si dice “consumare” ed altre amenità lessicali.

Ma torniamo alle conclusioni della CEI.

“I vescovi sono favorevoli a dichiarazioni certe e documentate, ma questa volontà del paziente non deve diventare una decisione […] Ci deve essere attenzione alla volontà della persona, ma la decisione non deve spettare alla persona […] la volontà del paziente diventa la volontà con cui si confronta il medico, non deve poi esprimere volontà contro la propria vita, perché nessuno, neppure il malato, è padrone della propria vita”

Se fossi cattolico, questa dichiarazione la definirei “confusa”, ma essendo ebreo parlo come mamma (ebrea più di me) mi ha fatto: questa è la dichiarazione di uno schizopatico onanista compulsivo dalle multiple personalità. Ragazzi, ma ci rendiamo conto?

Queste dichiarazioni mi ricordano dei giorni di festa in casa mia.

Mia madre: “Vuoi i maccheroni o gli spaghetti, amore mio?

Io: “i maccheroni, mammina

Mia madre: “Peccato che ho solo gli spaghetti“.

Traduco quanto ha dichiarato Bertone:

Certo, caro abbonato al senso di colpa cattolico, puoi pure decidere di morire ma – ah ah ah – mica pensi di poter decidere da solo? Eh minchione? DECIDE DIO PER TE. E guarda caso, siamo NOI gli unici a sapere cosa dice DIO“.

E poi si lamentavano di Vanna Marchi e le sua alghe magiche. Ma fatemi il piacere. Servirebbe un notaio per controllare che ‘sti preti trascrivono esattamente quello che dice DIO. Ma poi anche DIO chiama in orari di fascia bassa oppure c’ha la tariffa flat? E in un paese d’intercettati, non riuscite a beccare una telefonata tra Razty e Dio?

Misteri della fede o dei fetenti del quartierino vaticano?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: