Non ne parliamo più

Ogni volta che vi sentirò dire “non ho nessun problema con i gay, ma…” sappiate che mi alzo e vi lascio parlare da soli. Non esistono vie di mezzo. O credete che un omosessuale sia una persona NORMALE e quindi nessun MA, oppure siamo malati e pervertiti. O credete che dobbiamo avere tutti gli stessi diritti oppure nessun accordo al ribasso. Non sono privilegi, SONO DIRITTI. Non possiamo continuare in questo gioco melmoso di perbenismo di facciata. ABBIATE LE PALLE. Ditemi in faccia: FAI SCHIFO, NON MERITI DI ESISTERE, DI AVERE UNA VITA FELICE, DI AVERE UNA FAMIGLIA. Oppure, lottate perché io sia uguale a voi anche davanti allo Stato. IN TUTTO E PER TUTTO.

Dopo l’estrema delusione in cui mi ha gettato la vicenda delle Unioni Civili, non parlerò più di quest’argomento. Mi vedrete qui, ma non ci sarò più con la testa. Ormai io penso ad altri lidi, non ho più dubbi. Non appartengo ad un paese che mi odia. Mi spiace.

Italo Epic Fail

Italo che fa sconti a chi andrà al Family Day. Cosa ne penso? Semplice: liberissimi di farlo, ma è illogico commercialmente. Ad un’azienda non conviene mai esporsi politicamente. Le aziende usano la politica, non si fanno usare. Di fatto, restringere il proprio target ha senso quanto le ciglia a gabbiano su un macellaio. Caro Italo, noi gay siamo il 10% della popolazione, abbiamo un tasso di viaggio più alto della media, e siamo tanto tanto tanto tanto stronzi con le aziende omofobe. La Barilla si è messa a pecora dopo averci offeso…

caro Italo, mio caro Italo, prepara la vasellina…e auguri!

Manifestate! Amate! Fate quello che vi pare!

A me piace la manifestazione di oggi pro Unioni Civili. E mi piace pure il family day che gli andrà contro. A me piace la democrazia. Mi fa commuovere pensare che qualche decennio fa la libertà di manifestare fosse un’utopia e ora è realtà. NON MI PIACE AFFATTO, invece, che un edificio PUBBLICO venga usato per portare avanti l’opinione di una solo delle due piazze.

Qual’è la cosa che sta facendo impazzire tutti? La Stepchild adoption, ovvero la possibilità di adottare il figlio del proprio compagno, con cui ci si “unisce civilmente”. Un  modello applicato in tutto il mondo (27 paesi su 28 in europa, manchiamo solo noi). Diciamolo: l’argomento del “un bambino ha bisogno di una mamma e un padre” mi fa sempre sorridere. A parte un principio di realtà (quante famiglie senza padri e madri ci sono?), a contraddirlo è proprio la logica.

A. Per procreare servono un maschio ed una femmina. Alla procreazione può non seguire la crescita di un bambino. Non c’è alcun nesso logico tra i due eventi. Nella storia dell’uomo (e degli animali), si sprecano gli esempi in cui i due eventi sono separati di netto. B. Non esiste alcuna prova del fatto che un uomo ed una donna siano differenti in termini psicopedagogici. Esistono invece prove e studi che dimostrano quanto la diversità dei genitori tra loro (come individui) guidi il buon sviluppo di un bambino.

Detto ciò, credete quello che volete, lottate per ciò in cui credete…ma buttatela sulla credenza, la superstizione, i valori, la cultura, qualsiasi cosa. Ma non sulla natura, perché di NATURALE non c’è assolutamente nulla in quello che dite. NULLA. 

Una proposta per la Regione Lombardia: perchè non far diventare la scritta da “Family Day” a “FAMILIES DAYS”? Sarebbe più degna di una città moderna come Milano, e l’Italia.

Au contraire

A tutti capitano i giorni storti. Giorni in cui tutto sembra andare al contrario. Il problema è quando ogni giorno è così, e per il nostro paese sembra proprio una condanna a vita. Se penso agli eventi degli ultimissimi giorni, sono leggermente basito.

  1. L’Italia cresce dello 0,2%, più della Francia: invece di rallegrarsene, i politici attaccano il governo. Che poi è come se una donna s’incazzasse col marito impotente perché ha avuto la sua prima erezione dopo anni. Hai voglia a rialzarlo un’altra volta.
  2. La donna che ha riempito di acido il suo ex ha partorito e le viene subito levato il bimbo. Gl’italiani scandalizzati, “povero bimbo“. Certo, non sia mai le rimanesse qualche dose di acido da usare sul neonato. Che spreco!
  3. La Chiesa è per accogliere quei disgraziati degl’immigrati: i politici indignati “libera Chiesa in libero Stato!”. La Chiesa è contro l’amore omosessuale: i politici l’appoggiano “Ha ragione la Chiesa!”. Ricapitolando, la logica è: se si tratta di accogliere immigrati, la Chiesta è una merda, ma se si tratta di amore non eterosessuale, la Chiesa ha ragione.

Queste sono solo tre notizie, che ci fanno capire come tutto in questo paese funzioni al contrario. Tutto. La gente s’indigna per le cose sbagliate, si focalizza più sulla divisione che sull’unità, e si cerca lo scontro ideologico pure alla fila del fast food. Siamo tra i paesi con maggiori cellulari pro-capite. C’è chi pensa: siamo italiani, ci piace comunicare. Io ho un dubbio: i telefonini hanno così successo, perché ci chiudono in un’isola tutta nostra. Dove l’altro non rompe le balle, basta mettere in modalità aereo.

Ed è proprio così che ormai ci muoviamo come nazione, in costante modalità aereo.

Peccato che così non ci stiamo rendendo conto dello schianto.

Non è facile essere gay

Non è facile la vita. Non lo è per nessuno. Lungi da me dipingere un ritratto dell’omosessualità da martirio della società moderna. Ognuno porta e sopporta la propria croce. E lo si fa con dignità e rispetto della croce altrui. Eppure, oggi più che mai, sento l’esigenza di parlarvi seriamente di cosa significhi la mia di croce (e delizia). Lo farò per decadi, perché è come ho notato che cambiano le fasi della mia vita.

0-10 anni: sei diverso, non lo sai, ma gli altri sì.

Da piccolo mi piacevano le bambine. E piacevano pure i gatti, i cagnolini e i ragazzini. Mi piaceva tutto. Non c’era sessualità in quello che facevo. Io salutavo tutti. Baciavo tutti. Sorridevo a tutti. Non amavo giocare a calcio, lo odiavo. Mi annoiava a morte. Non fu mai un problema, finché una suora mi disse: “perché non giochi a calcio con gli altri bambini? Che vuoi diventare gay?”. Fino a quel momento non sapevo manco cosa fosse un gay. E scoprire una parola quando la usano come offesa non è il massimo della vita. Mia madre già lo sapeva, perché quando le chiedevo perché fossi diverso dagli altri – ormai ne ero consapevole – mi rispondeva sempre: “tu non sei né carne né pesce”. Mia madre parlava sempre per metafore culinarie, e questa spiegazione a me bastava. Iniziavo a sentirmi a disagio con gli amichetti, ma non gli davo peso. Io volevo salutare tutti, baciare tutti, sorridere a tutti.

11-20 anni: la consapevolezza. La solitudine.

La masturbazione ha cambiato la mia vita. Fintanto non sei davanti alla tua erezione, non capisci veramente che orientamento sessuale hai. Ma – fortuna per i maschietti – il pisello non mente. Ed io mi eccitavo solo guardando la sezione “intimo maschile” dei cataloghi Postalmarket. Non erano sogni sessuali, ma erano molto sensuali. Non c’erano scene di sesso, ma c’erano uomini bellissimi che si spogliavano per me. Non volevo più baciare tutti, volevo baciare solo loro. A quel punto, all’età di 12 anni presi consapevolezza di quello che mi piaceva davvero. Le donne continuavano a piacermi, ma sapevo quale fosse la mia strada. Iniziai a chiudermi a riccio. A scuola cercavo di allontanarmi da tutti. Ero silenzioso. Non salutavo più nessuno. Volevo solo sparire, perché mi sentivo solo come un cane. E la corazza si iniziò ad ispessire.

21-30 anni: la gioia. l’amore. ed il dolore.

All’università ancora ero schivo. Nascondevo tutto con una falsa allegria e socievolezza. Volevo tornare alla mia infanzia, quando ero una persona così aperta al mondo, così curiosa. Arrivò il primo ragazzo. Il primo amore. Fu un’esplosione di gioia. Non avevo mai provato certe sensazioni. E pensai per la prima volta di essere una persona fortunata. Di essere speciale. E soprattutto, di non essere solo. Dissi tutto alla mia famiglia. Non m’interessava più l’opinione di nessuno. Ero io solo contro un mondo che non capiva l’amore. Poi vennero altri fidanzati, altre gioie ed altri dolori. Mi sono aggrappato ad ogni singola briciola di amore, ma quello più importante era quello verso me stesso. Mi sono aiutato da solo a venire fuori da un doppio lutto, al quale pochi sopravvivono. Mio fratello aveva una famiglia a cui appoggiarsi, io ero solo. Per l’ennesima volta.

Ed eccomi qui, a quasi 33 anni, a fare un piccolo bilancio della mia esistenza. Ho tanta strada da fare ancora, e sono curioso di cosa mi riservi il futuro. Sento di star entrando in una fase di cambiamenti radicali. Per la prima volta nella vita sento DAVVERO l’esigenza di metter su famiglia. Di avere un marito, ed almeno un figlio (due sarebbe perfetto). E sono certo che succederà.

Non è facile essere gay, non lo sarà mai. Sarete sempre soli con voi stessi, sarete sempre lì a sfidare i vostri limiti. Sarete sempre giudicati. A volte disprezzati, insultati, aggrediti. Ma le cose cambiano. Gli anni passano. Le ferite si curano. E se avrete affrontato tutto con dignità, sarete delle bellissime creature. Vissute, vive e piene di esperienza. Una vita intensa ha un vantaggio grande: in qualsiasi momento finisce, è valsa la pena di esser vissuta.

Per cui, coraggio. E siate orgogliosi di quello che siete. Anche perché – metteteci una pietra sopra – non avete scelta.

GLBT – Già, Leggiamo Bene Titoli

Amo i diritti. Tutti i diritti. E quando vengono estesi, è un momento di gioia infinita per me. Tutti i tipi di diritti, per qualsiasi persona o minoranza. Sempre. Non esistono diritti di seria A e di serie B. Esiste anche il diritto di non voler diritti per gli altri. Si chiama LIBERTA’ DI PENSIERO, che tra i diritti è il più importante. Perché senza espressione di sé l’uomo è uno schiavo.

Per tutti questi motivi, sono in ESTASI sapendo che la Corte Suprema americana abbia reso legale in TUTTI gli Stati USA il matrimonio gay. Sto festeggiando da ieri, sto invadendo le bacheche dei miei amici di arcobaleni e hashtag del cazzo. Mi amano per come sono, mi perdoneranno.

Ma allo stesso modo, sono STRA-FELICE quando vedo una piazza come quella di San Giovanni PIENA zeppa per protestare contro l’estensione di tale diritto. Dimostra democrazia, voglia di partecipare, e che siamo un paese dove tutti possono dire quello che vogliono, in LIBERTA’.

Non c’è contraddizione in quello che dico. Solo un cieco non riesce a vedere l’estrema logica dietro al mio pensiero. Solo un pazzo non riesce a capire che, senza libertà di pensiero, neanche staremmo parlando di Matrimoni Gay. Se accetti le regole del gioco, cerchi di VINCERLO il gioco con le tue argomentazioni, e non di TRUCCARLO solo perché non ti conviene.

La COERENZA è un valore estremo nella mia vita. E di certo non lo dismetto per via di qualche hater attivista GLBT, che magari a lavoro non dice di essere gay, ma poi va al Gay Pride pensando di essere meglio di me, che al Gay Pride non ci va manco morto ma che dice di essere gay pure alle pietre.

Il mio esempio, e non il vostro da ghetto-repressi, ci aiuterà ad ottenere i diritti. Sappiatelo.

FAMIGLIA

Dopo diversi (e violenti) messaggi personali anche da sconosciuti, preferisco chiarire la mia posizione sulla famiglia, di cui io ho una concezione assolutamente “conservatrice“. La famiglia è l’incontro di DUE (e non più) persone che si AMANO in maniera MONOGAMA. Le coppie aperte non sono un famiglia, ma solo una società di mutuo soccorso (nella migliore delle ipotesi). Il sesso dei due membri di una famiglia deve essere ininfluente per lo Stato.

Stesso atteggiamento laico nei confronti della GENITORIALITA’. Una mamma o un padre, o due mamme o due padri conta zero: basta che ci siano AMORE e condizioni economiche decenti. Tutti devono avere accesso facile e GRATUITO all’adozione, senza alcuna differenza. Altra cosa sono le tecniche di fecondazione assistita: a quelle devono poter accedere solo le coppie ETEROSESSUALI.

Tali tecniche nascono come MEDICINA ad una malattia, la sterilità, la quale evidentemente non riguarda gli omosessuali. Se un omosessuale vuole un figlio, non capisco proprio l’esigenza di averlo “biologico”. Ci sono tanti bambini al mondo che attendono amore. In caso contrario, sono solo egoisti capricciosi che non meritano manco la patente.

E mo, estremisti glbt di sta ceppa, offendetemi pure. Mi sono svegliato con decine di messaggi intimidatori. Siete vergognosi, e non pubblico gli screenshot solo perché farei il vostro gioco disgustoso. Io la faccia ce la metto sempre. A lavoro, in famiglia e con gli amici. Potete dire la stessa cosa voi che vi chiudete nei vostri circoletti del cazzo a discutere di letteratura glbt senza fare un cazzo?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: